1 italiano su 3 inizia a studiare inglese dopo l’estate

Secondo i dati diffusi dall’accademia ABA English, tra i buoni propositi di settembre c’è quello di iniziare a studiare l’inglese

Sempre più spesso lo studio avviene da app, definite dal 96% degli italiani uno strumento utile per imparare

Milano, 16 settembre 2015 – Ricominciano le scuole, ma i bambini non sono i soli a tornare sui banchi. Dopo aver ricaricato le batterie durante la pausa estiva, per molti adulti settembre è il mese dei buoni propositi, personali e professionali, e tra questi vi è quello di imparare l’inglese. I dati diffusi da ABA English, accademia online con più di 4 milioni di alunni nel mondo, rivelano che il 38% degli italiani sceglie di iscriversi a un corso di inglese dopo le vacanze estive, in particolare nel periodo compreso tra agosto e ottobre.

 “Settembre è sicuramente il mese preferito dagli italiani per iscriversi a un corso di inglese” dichiara Maria Perillo, responsabile accademia e di prodotto di ABA English. “Questo mese da solo rappresenta il 15% di tutti gli studenti iscritti durante l’anno”.

Con le nuove tecnologie però non c’è più bisogno di date specifiche o momenti precisi per iniziare a studiare. Infatti, è sempre più diffuso l’insegnamento dell’inglese attraverso l’uso di piattaforme digitali, sia per i singoli studenti che per le scuole di ogni ordine e grado.

In particolare, le app di m-learning (apprendimento tramite dispositivi mobili) stanno assumendo rapidamente un ruolo chiave nell’insegnamento delle lingue straniere. Secondo un altro recente studio condotto tra 5000 studenti di ABA English in diversi paesi, il 96% degli italiani definisce “utile” poter imparare l’inglese tramite dispositivi mobili. A conferma di questo dato ne arriva un altro, ovvero che il 75% degli intervistati ha scaricato una app per imparare una lingua straniera.

Per gran parte degli italiani (54%) le app sono diventate un modo “comodo” per imparare l’inglese, in particolare gli intervistati ne mettono in evidenza l’immediatezza e l’accessibilità rispetto all’uso del computer. Gli italiani danno importanza ai vantaggi dell’m-learning anche se non trascurano il ruolo del pc: il 47% degli intervistati ritiene infatti che le app siano un ottimo strumento da abbinare però all’apprendimento da computer.

La tradizionale abitudine di iniziare a studiare inglese dopo l’estate e la tendenza attuale a farlo da app si uniscono nel corso di ABA English per smartphone, che permette di imparare l’inglese attraverso la visione di film, in modo naturale e senza stress.

 > Scarica Comunicato