Guida pratica per sopravvivere nel Paese dell’itanglese

Milano, 19 gennaio 2016 – Nel Paese della stepchild adoption e del Jobs Act sono sempre di più i termini inglesi che vengono usati nel linguaggio quotidiano, ma che non sempre sono capiti da tutti gli italiani.  ABA English, accademia di inglese con oltre 6 milioni di alunni, ha preparato una guida con gli anglicismi più trendy per aiutare gli italiani a sopravvivere nella tipica giornata itanglese. “La tendenza ad utilizzare anglicismi oggigiorno sembra inarrestabile e sempre di più si utilizzano parole di origine inglese all’interno di conversazioni in italiano” – ricorda Maria Perillo, Chief Learning Officer di ABA English. “Le lingue cambiano e vivono anche di scambi con altre lingue: molte parole inglesi non hanno corrispondenti semplici, diffusi o efficaci, ma bisogna sempre cercare di fare un uso appropriato e consapevole di questi nuovi termini.”

Politica italiana, vocabolario inglese

La politica nostrana non sembra immune dall’uso dell’itanglese (o itanglish). Molti termini inglesi sono stati usati per chiamare le leggi approvate dal governo dell’attuale Premier Matteo Renzi, una su tutte il Jobs Act, ovvero l’antica riforma del lavoro. Più recente è invece la discussione sulla stepchild adoption, ovvero la possibilità di adottare il figlio del proprio partner. Già da tempo si parla poi di legge sulla privacy e di riforma del welfare. Insomma, sembra che per essere politically correct in Italia si debba usare l’inglese e poco importa se il leader sia al governo o all’opposizione, visto che per manifestare il proprio dissenso si organizza un family day.

Business world

Sicuramente una delle sfere della vita quotidiana più influenzate dalla presenza dell’inglese è quella del lavoro. Le aziende di nuova creazione si denominano startup, sono nate nuove professioni come quella del Community Manager (gestore delle reti sociali dell’azienda) e quelli che un tempo erano possessori di partita iva ora sono diventati dei freelance.

Se invece siamo dipendenti, sappiamo dove lavoriamo esattamente? La nostra azienda è B2B (Business-to-Business, ovvero produce beni per altre aziende) o B2C (Business-to-Consumer, ovvero produce beni direttamente per l’utente finale)?

All’interno delle aziende i titoli dei responsabili sono diventati delle sigle tra cui a volte è davvero difficile destreggiarsi: il direttore generale è il CEO (ovvero il Chief Executive Officer), il responsabile del marketing il CMO (Chief Marketing Officer), mentre il CTO (Chief Technology Officer) è il responsabile della parte tecnologica e il CFO (Chief Financial Officer) la persona che gestisce il budget, ovvero la parte finanziaria.

In un’ordinaria giornata di lavoro può quindi capitare che il nostro manager (ovvero il nostro superiore diretto) ci chieda un planning (progetto) da consegnare ASAP (As Soon As Possible) e siccome la deadline (data di consegna) è il prima possibile dobbiamo annullare la conference call (riunione telefonica) con il cliente e dire al nostro collega che non possiamo partecipare al brainstorming (discussione di gruppo per raccogliere idee) già fissato.

Anche la posta elettronica, mezzo di comunicazione principale oggigiorno, ha un linguaggio proprio spesso di matrice inglese. Se il nostro collega ci fa un forward (inoltro) di un’e-mail in cui appare l’acronimo FYI (For Your Information) dobbiamo stare attenti e leggere il contenuto del messaggio invece di catalogarlo nello spam tra i tanti messaggi che ci arrivano abitualmente.

High Tech

Tantissime delle parole di origine inglese che usiamo quotidianamente non hanno una vera e propria traduzione in italiano perché sono entrate nella lingua direttamente con lo sviluppo delle nuove tecnologie a cui fanno riferimento. 

Quando compriamo uno Smartphone (letteralmente un cellulare intelligente) o un Laptop (computer portatile),
 ci troviamo così a parlare di GigaBytes (capacità di memoria), di RAM (memoria a cambiamento di fase), di Hardware e di Software. Ovviamente al commesso chiediamo anche quanti pixels ha la macchina fotografica incorporata nel cellulare perché è essenziale per i nostri selfies da postare sui social network.

Per i fashion victim

Se invece la moda è la nostra passione, dovremmo sapere che le aziende fanno di tutto perché i propri prodotti si convertano nei must-have (oggetto a cui non si può rinunciare) delle celebrities (famosi) più trendy (di moda) del momento. E se poi vogliamo essere fashion (alla moda) e sembrare più cool (fighi) dobbiamo ricordarci per il nostro look che tutte le tendenze del momento hanno un nome inglese: Hipsters, Heavies, Boho-chics, Hippies, Punks, Geeks e persino se della moda non ci interessa nulla, ci definiranno sempre con un termine inglese, ovvero Nerd.

Forse non è facile per gli italiani capire tutti i termini inglesi che stanno cambiando il nostro vivere quotidiano ma grazie a strumenti come la nuova app di ABA English, che permette di studiare grazie alla visione di brevi film, imparare l’inglese non è mai stato così facile.

> Scarica Comunicato