Buoni propositi per il 2017: 5 consigli per imparare davvero l'inglese

Milano, 20 dicembre 2016 – La fine dell’anno è ormai vicina, ma per molti il livello d’inglese è rimasto quello di 12 mesi fa. Il tempo era poco oppure la motivazione scarsa, qualsiasi sia il motivo, per molti l’obiettivo non è stato raggiunto nell’anno che sta per finire. Per aiutare chi volesse riuscire a migliorare il proprio livello di lingua, ABA English, scuola online d’inglese la cui app è stata recentemente selezionata da Google tra le “Best of 2016”, ha proposto 5 passi per imparare davvero l’inglese nel 2017.

1. Scegli un metodo flessibile

Tra lavoro, studio e famiglia, non tutti possono tornare sui banchi di scuola. Internet e le nuove tecnologie mobili permettono di ottimizzare i tempi e imparare l’inglese in qualsiasi momento, per esempio mentre si va al lavoro o si aspetta un amico. Non a caso, secondo l’ultimo studio di ABA English il 93% degli italiani considera le app un metodo utile per imparare una lingua straniera, e il 94% ne ha scaricato almeno una.

2. Fissa obiettivi realistici e sii costante

Non ha senso pensare di poter studiare due ore al giorno quando si ha a malapena tempo di prepararsi la cena: essere realistici è la soluzione migliore. È più efficace studiare 30 minuti al giorno che fare una scorpacciata d’inglese una volta alla settimana. Si può seguire l’esempio del 30% degli italiani, che preferisce dedicare all’apprendimento dell’inglese le pause al lavoro, brevi ma regolari nel tempo.  

3. Trova motivazioni

Essere motivati è uno dei fattori chiave per raggiungere qualsiasi obiettivo. Gli studenti migliori non sono necessariamente quelli che partono già da un livello intermedio o i più giovani, ma gli studenti con una motivazione chiara per imparare l’inglese, sia essa di natura lavorativa o personale.

4. Impara divertendoti

Una soluzione per evitare che imparare l’inglese diventi un compito noioso è quella di continuare a coltivare le proprie passioni, ma farlo in lingua. Per esempio, i lettori più accaniti possono provare a leggere in inglese, partendo da articoli su internet o riviste e, quando si sentono pronti, cimentarsi con un libro, magari non ancora tradotto in italiano. Oppure, chi ha una dipendenza da serie TV può continuare a guardare la propria serie preferita in versione originale, prima aiutandosi con i sottotitoli in italiano e poi passando a quelli in inglese.

5. Non esitare a chiedere aiuto a uno specialista

È normale che con lo studio dell’inglese arrivino anche dubbi grammaticali che richiedono l’aiuto di uno specialista. In questo caso, la soluzione può essere un forum specializzato oppure una app che offre la possibilità di un docente personale a cui rivolgersi direttamente.

 

> Scarica Comunicato